PERCHE’ EDUCARE I BAMBINI ALLA NOIA

28 Aprile 2018   /   diMarina Iuele  / Categories :  Educazione

Noia.

Ma figuriamoci se fra tutte le cose a cui dobbiamo pensare, come educatori possiamo pure pensare di educare i bambini alla noia!

Parla bene, questa qui, si vede che non ha la pentola sul fuoco, la lavatrice da caricare e la tavola da apparecchiare…chi la conosce la noia!

Eppure vedi, cara mamma, gentile papà,  che stai faticosamente arrancando in casa, dopo una faticosa giornata trascorsa a lavoro, a tuo figlio, a tua figlia, prima o poi accadrà di trovarsi a contatto con la noia e ti chiederà soccorso con un “Che faccio mamma? Mi annoio…” e a te toccherà rispondere, in un modo o in un altro. Non è meglio scandagliare meglio questo stato dell’animo e SCEGLIERE CONSAPEVOLMENTE quale indirizzo dargli?

 

PERCHE’ LA NOIA FA COSI’ PAURA

Noi abbiamo paura della noia, ammettiamolo!

Abbiamo ricevuto una educazione che premia il FARE e quindi ci hanno insegnato che “più facciamo- più valiamo”.

Ci hanno insegnato che il TEMPO E’ DENARO e che quindi perdere tempo equivale ad una specie di peccato capitale!

Sta per uscire il mio nuovo libro, ve ne parlerò fra qualche giorno (sempre donna di teatro resto, ricordate? Per scaramanzia…) che conterrà storie di Popoli che sapevano perfettamente, più di mille anni fa, che non è affatto vero che il tempo è denaro…perché IL TEMPO E’ ARTE.

Parlo del tempo naturale, quello al quale da secoli, ormai, siamo scollegati, quello che non sappiamo neppure che esista, quello nel quale saremmo in grado di ascoltarci, scoprire chi siamo e siamo sempre stati e di  quali straordinari miracoli siamo capaci!

In quel TEMPO NATURALE il posto per la noia c’è, eccome!

Ma noi abbiamo paura di fermarci…di pensarCI, di scoprirCI.

Questa paura ci è stata sapientemente, occorre riconoscerlo, distillata nel cuore, fino al punto che a noi pare sia nostra, ma non lo è!

Come sarebbe se ci fermassimo ad ascoltarci?

Come sarebbe se, cedessimo   qualche volta alla noia  non rimpinzandoci di impegni….così, tanto per provare?

Per chi diventeremmo pericolosi, ingovernabili?

Eh…

LA NOIA CI SPINGE OLTRE I NOSTRI LIMITI

 

La noia è una straordinaria opportunità per spingerci oltre i nostri limiti! E’ una meravigliosa opportunità per sperimentare, provare (fallire ma forse anche riuscire!), è il tempo per PENSARE, INVENTARE!

Le migliori ricette sono nate, nelle case di ognuno di noi, in piovosi o freddi pomeriggi domenicali, nei quali non avevamo voglia di uscire o avevamo finito di FARE, dite che non è vero?

Io mi ricordo in casa mia, quando ero bambina, non tanto gli intrugli che preparavo io…ma le disgustose “ricettine” di mio fratello! Solo lui era in grado di mangiarsi le merende che si preparava: riusciva a mescolare i gusti più disparati e sosteneva che “E’ buonissimo, prova!” (ovvio…non ci pensavo neanche a mangiare “quellarobalì”…ma non si poteva certo dire che mio fratello non avesse esercitato la sua fantasia!).

 

Sempre per noia mio fratello ha imparato a riparare qualunque cosa…ed oggi è un gran vantaggio nella sua vita, no?

Io quando mi annoiavo…SCRIVEVO …ma guarda un po’…hai visto dove mi ha condotta quella noia?

Grazie a quei momenti  ho imparato che ci sono un sacco di piccoli cassettini dentro di me ed in ognuno di essi c’è un aspetto di Marina che è divertente (e affatto noioso!) andare a scoprire!

Ancora oggi mi tengo caro e prezioso il MIO tempo per la noia, perché ci sono ancora un sacco di cassettini che non ho ancora aperto e che mi interessa aprire.

 

 

E ALLORA INSEGNIAMO AI BAMBINI A UTILIZZARE LA NOIA

 

Se noi siamo spaventati di fronte a ciò che possiamo scoprire di noi,  come possiamo allora permettere ai nostri bambini di annoiarsi? Come possiamo trasmetter loro che la noia può essere una bella opportunità e non il peccato mortale?

Forse ci possono aiutare i fatti talvolta drammatici e shoccanti di cui trabordano le cronache. Questi fatti vedono protagonisti ragazzi, adolescenti, che non sapendo gestire ALCUNA FRUSTRAZIONE trovano nei gesti estremi l’unica soluzione al devastante disagio interiore che li dinania.

Ecco, magari se arriviamo un passo prima…possiamo ricominciare ad essere veramente educatori e non  pulcini disorientati, noi stessi.

 

 

LA NOIA E’ UTILE

 

La noia  è utile a sperimentare che esistono anche dei momenti nella vita in cui ti senti frustrato…e non per questo devi perdere i tuoi punti di riferimento interiori! Le frustrazioni possono anche aiutarci a trovare nuove e più efficaci strategie per vivere la nostra vita secondo i nostri desiderata.

 

La noia è molto spesso l’anticamera del fermento creativo e quindi dell’Arte! Se non è questa una possibilità…

 

La noia può insegnarci che possiamo anche sopravvivere alla noia!

E, che mi crediate o no, io questo articolo l’ho pensato stanotte, mentre non riuscivo a dormire: ore 4.38 e non c’era verso di prender sonno…capite che la mia era una noia mortale (io se non dormo…batto i coperchi!). Che potevo fare? (“Mamma che faccio? Mi annoio…) Ho scritto.

Ho USATO quel momento e non mi sono lasciata usare passivamente…possiamo insegnarlo ai bambini, per favore?

 

 

 

Potrebbero anche interessarti

qui

 

 

E tu, cosa ne pensi?

Lascia il tuo commento qui

 

 

 

  • Follow us:

Potrebbero interessarti anche questi


Adozione e dintorni…la storia di Sara

Adozione e dintorni…la storia di Sara

Non mi era capitato, prima di parlare di adozione. E’ solo scrivendo il mio quarto libro 13 STORIE DAGLI ANTICHI IMPERI, edito da UNO EDITORI, che  incontro, per la prima volta nella mia ricerca intorno alle mie Storie d’Altrove, una storia di adozione. In realtà il tema dell’adozione  è presente in ben due delle mie […]

Continua a leggere
INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

Insegnanti abbandonati e colpevoli: questo siamo diventati! Insegnanti abbandonati dalle stesse istituzioni per cui lavorano, che dovrebbero proteggere e salvaguardare non la loro dignità personale, ma quella professionale, perché in questo modo salvaguarderebbero il loro stesso valore! E colpevoli, come insegnanti siamo certamente colpevoli! Colpevoli di svolgere un lavoro in cui crediamo ben oltre il lavoro stesso. […]

Continua a leggere
BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

A Natale, e non solo, le recite scolastiche  sono un momento tanto atteso, sicuramente dalle famiglie, ma altrettanto, credetemi, dai  bambini e dagli insegnanti. Certo che se poi per augurarsi buon Natale si rischia di ritrovarsi gonfi come delle zampogne (tanto per rimanere in tema)…magari la voglia passa un po’…che dite? Non voglio neanche discutere o […]

Continua a leggere

2 commenti

Rispondi