1 + 1 = AMORE

8 Giugno 2018   /   diMarina Iuele  / Categories :  Educazione

Condivisione è stato l’argomento della lezione di oggi, a scuola.

Sì lo so che era l’ultimo giorno di scuola…e sinceramente non pensavo di fare lezione, ma è la lezione, sulla condivisione nello specifico, che ha cercato me!

Si approssima l’ora della merenda, e pensando alla possibilità di condivisione di un momento di relax coi miei allievi,  mi avvicino all’armadio per prendere un pacco di crackers da distribuire ai bambini e scopro l’amara sorpresa: ne mancano 4 per poter accontentare tutti!

Butto l’occhio in fondo all’armadio e 4 (esattamente 4!!) tortine avanzate il giorno prima dalla mensa vengono in mio aiuto: ragazzi siamo salvi, c’è da mangiare per tutti!!

 

E ADESSO COME FACCIO?

Subito si affaccia alla mia mente un pensiero: tutti e 24 vorranno la merendina…i crackers non se li filerà nessuno!

E adesso come faccio?

Faccio lezione, ma di quelle che piacciono a me, di quelle più importanti delle lezioni “da programma” (e l’ho detto!)

Sottopongo ai bambini il problema e verifico per alzata di mano che 24 no…ma almeno in 10 vogliono la merendina!

Ecco…lo sapevo!

 

FACCIO O FACCIO FARE?

 

Così semplicemente presento il problema e poi dico – Quale soluzione possiamo trovare, bambini? Fatemi delle proposte –

Una bimbetta, dopo essersi consultata con la sua amica del cuore sortisce dicendo – Facciamo così, una merendina la mangio io, una A., la terza e la quarta… – e nomina altri due bambini che le sono simpatici.

– E mi sa che così  non funziona perché…-

FINCHE’ OGNUNO PENSA SOLO A SE STESSO…

 

non abbiamo capito che perdiamo forza, non la acquistiamo! E a questi bambini, anche se stanno finendo solo la seconda elementare, io lo VOGLIO mostrare…se no è inutile scrivere i libri, fare le conferenze, perché

LA VERA RIVOLUZIONE E’ VIVERE CONSAPEVOLMENTE LA QUOTIDIANITA’

 

Allora invito gli “interessati al tortino” a riunirsi e a trovare INSIEME (parola chiave indispensabile) una soluzione che soddisfi tutti.

Ho sempre detto e dico oggi con maggior forza che i bambini sono veri maestri. Hanno avuto bisogno di 5, dico 5 minuti ed hanno trovato

 

LA MIGLIOR SOLUZIONE

 

Una bambina ha proposto di dividersi in gruppi di due, di associarsi e di prendere un pacchetto di crackers ed una merendina.

Arrivati a posto avrebbero diviso entrambe le merende e così tutti sarebbero stati accontentati!

5 minuti!

E venitemi a dire che non c’è speranza per il futuro!

E venitemi a dire che il miglior modo di educare…è non fare, ma lasciar essere!

E venitemi a dire…che la possiamo anche smettere di dire, possiamo cominciare a tacere…ed ascoltare…

 

In lack’ech

(io sono un altro te stesso)

 

E tu cosa come ti poni rispetto al condividere? Il tuo tempo, le tue risorse, i tuoi talenti?

Ti va di CONDIVIDERE  la tua opinione? Puoi farlo qui 

  • Follow us:

Potrebbero interessarti anche questi


INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

Insegnanti abbandonati e colpevoli: questo siamo diventati! Insegnanti abbandonati dalle stesse istituzioni per cui lavorano, che dovrebbero proteggere e salvaguardare non la loro dignità personale, ma quella professionale, perché in questo modo salvaguarderebbero il loro stesso valore! E colpevoli, come insegnanti siamo certamente colpevoli! Colpevoli di svolgere un lavoro in cui crediamo ben oltre il lavoro stesso. […]

Continua a leggere
BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

A Natale, e non solo, le recite scolastiche  sono un momento tanto atteso, sicuramente dalle famiglie, ma altrettanto, credetemi, dai  bambini e dagli insegnanti. Certo che se poi per augurarsi buon Natale si rischia di ritrovarsi gonfi come delle zampogne (tanto per rimanere in tema)…magari la voglia passa un po’…che dite? Non voglio neanche discutere o […]

Continua a leggere
RUOLO DA 26 ANNI: BUON ANNIVERSARIO MAESTRA MARINA

RUOLO DA 26 ANNI: BUON ANNIVERSARIO MAESTRA MARINA

Era un sabato di 26 anni fa. Io entravo in Provveditorato (allora si chiamava così) per apporre la firma più importante della mia vita…o così credevo: firmavo per entrare in ruolo. “Congratulazioni signora maestra” mi diceva l’impiegato preposto a custodire i fascicoli che dovevamo firmare. Io ero felice, ma di quella felicità lucida che è […]

Continua a leggere

0 commenti

Rispondi