Insegnanti-genitori: perché facciamo tanta fatica a capirci?

27 Novembre 2019   /   diMarina Iuele  / Categories :  Educazione

L’insegnante è un professionista, un formatore e un educatore.

Oggi, sempre più spesso, la sua professione è svalutata  dai genitori e per conseguenza dagli alunni.

Gli insegnanti, a loro volta, devono  loro per primi assumere atteggiamenti professionali tanto  con i genitori quanto con gli alunni.

Cosa è cambiato? Cosa sta succedendo?

Ne parlo in questa video intervista con Ruggero Lecce, consulente di web marketing e di personal branding per professionisti.

Guarda l’intervista e lascia il tuo commento qui sotto.

  • Follow us:

Potrebbero interessarti anche questi


Adozione e dintorni…la storia di Sara

Adozione e dintorni…la storia di Sara

Non mi era capitato, prima di parlare di adozione. E’ solo scrivendo il mio quarto libro 13 STORIE DAGLI ANTICHI IMPERI, edito da UNO EDITORI, che  incontro, per la prima volta nella mia ricerca intorno alle mie Storie d’Altrove, una storia di adozione. In realtà il tema dell’adozione  è presente in ben due delle mie […]

Continua a leggere
INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

INSEGNANTI ABBANDONATI…CULTURA IMBAVAGLIATA

Insegnanti abbandonati e colpevoli: questo siamo diventati! Insegnanti abbandonati dalle stesse istituzioni per cui lavorano, che dovrebbero proteggere e salvaguardare non la loro dignità personale, ma quella professionale, perché in questo modo salvaguarderebbero il loro stesso valore! E colpevoli, come insegnanti siamo certamente colpevoli! Colpevoli di svolgere un lavoro in cui crediamo ben oltre il lavoro stesso. […]

Continua a leggere
BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

BUON NATALE…CON CALCI E PUGNI!!

A Natale, e non solo, le recite scolastiche  sono un momento tanto atteso, sicuramente dalle famiglie, ma altrettanto, credetemi, dai  bambini e dagli insegnanti. Certo che se poi per augurarsi buon Natale si rischia di ritrovarsi gonfi come delle zampogne (tanto per rimanere in tema)…magari la voglia passa un po’…che dite? Non voglio neanche discutere o […]

Continua a leggere

0 commenti

Rispondi